Scuola Secondaria di 1° grado “R. Masi”

La scuola Secondaria di 1° grado di Atripalda porta il nome di un atripaldese illustre, Raffaele Masi (1817-1876), sacerdote, letterato e patriota.

Essa vanta una lunga tradizione e, negli anni, ha realizzato progetti, eventi ed esperienze significative ed ha partecipato a concorsi prestigiosi, interagendo con famiglie, territorio ed istituzioni.

La scuola secondaria di 1° grado, insieme a quella primaria e a quella dell’infanzia, oltre alla famiglia e all’azione cattolica, costituisce per i giovani del luogo un polo di educazione, di formazione e di crescita culturale. Essa propone un curricolo avente non solo una generica funzione orientativa, ma soprattutto rispondente ad un principio etico, sociale ed economico che lega indissolubilmente lo sviluppo del territorio stesso alla valorizzazione delle sue risorse e delle sue peculiarità.

In quest’ottica si è operato e si continuerà ad operare affrontando tematiche che favoriscano

* La conoscenza e la salvaguardia della propria salute e dell’ambiente (prevenzione delle tossicodipendenze, dell’inquinamento),

* La rivalutazione e recupero del paesaggio e delle tradizioni locali ( patrimonio archeologico presente sul territorio)

* La promozione e lo sviluppo del senso di appartenenza e della convivenza democratica, nel rispetto della diversità.

Di particolare interesse va considerata l’attenzione alla comunicazione musicale che vede presente nella scuola l’insegnamento curriculare e opzionale dello strumento musicale, in particolare della Chitarra, del Pianoforte, del Violino e del Flauto Traverso.

Inoltre, l’offerta formativa prevede progetti di canto corale che costituiscono una peculiarità conosciuta e apprezzata dal territorio.

Per meglio coniugare il patrimonio che proviene dalla tradizione con le nuove esigenze e richieste dell’utenza , la scuola ha aderito a progetti PON privilegiando l’obiettivo PON Scuola C-1 – Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani – e A1 – FESR – (Laboratori ed agenda digitale) – Promuovere e sviluppare la Società dell’informazione e della conoscenza nel sistema scolastico –

Ha inoltre, nell’ottica della continuità didattico-culturale, cercato occasioni di contatto operativo con alunni della scuola elementare che si confrontano con alunni della secondaria al fine di verificare sul campo le attività che vengono realizzate nella quotidianità didattica.